comuni italiani

Santo Stefano a Reggio Emilia


Santo Stefano >> Santo Stefano Emilia Romagna




Santo Stefano 2018 a Reggio Emilia

Le manifestazioni per festeggiare il giorno di Santo Stefano a Reggio Emilia

Di seguito tutte le feste relative giorno di Santo Stefano a Reggio Emilia, le feste in piazza, in chiesa per celebrare la festa del giorno dopo il Natale dedicata a Santo Stefano, tradizionalmente trascorso in famiglia.



Santo Stefano



La festa di Santo Stefano viene celebrata il 26 dicembre, e solitamente rappresenta l'ennesimo giorno di feste e grandi abbuffate natalizie che a Reggio Emilia si festeggia in genere in famiglia, anche se sono numerose le iniziative che vengono proposte quali mercatini, feste in piazza, sagre e mille modi per stare in compagnia.











Museo dei presepi di Villaminozzo

Il Museo dei Presepi di Villa Minozzo, situato nelle segrete della Rocca, rende omaggio al più celebre presepista della sua terra, Antonio Pigozzi. Le suggestive volte in pietra sono l'ambientazione ideale delle scene, in un gioco di rimandi architettonici tra l'antico edificio e i diorami che tanto fedelmente riproducono i borghi della nostra montagna.

Il Museo di Villa Minozzo è stato realizzato nell'estate 2003, grazie al contributo del Comune di Villa Minozzo e del GAL Antico Frignano e Appennino Reggiano, attraverso il Fondo europeo Leader e la Regione Emilia Romagna, e si pone al servizio dell'arte del Presepio, attraverso l'organizzazione di corsi e laboratori dedicati alla diffusione dell'esperienza di Antonio Pigozzi.



Orario Feriale:

- Periodo natalizio fino al 6 gennaio: tutti i giorni dalle ore 9.30 alle ore 18.00

- Durante l'anno festivi dalle ore 11.00 alle ore 18.00 o su prenotazione telefonica 0522/803287 - 803230





Il presepio di Giancarlo Beltrami in S. Nicolò

L'artista reggiano Giancarlo Beltrami, il cui percorso artistico iniziò alla "scuola" di Juan Marì Oliva da Barcellona e si sviluppò nella bottega di Martin Castells a Barcellona (due tra i più grandi maestri dell'arte presepiale), espone 20 diorami del suo tradizionale presepio che sono state per l'occasione restaurate. Il suo presepio poliscenico, che ravviva la fede e offre ai numerosi visitatori d'Italia e dall'estero una rappresentazione di grande arte sacra, rafforza il suo legame tra l'antica tradizione scenografica italiana e i presepi settecenteschi ricchi di particolari naturalistici.

Le sue scene (paesaggi, abitazioni, interni con larghezza di circa m. 1,30, profondità di circa m. 1,30 - 2 e altezza di circa m. 3) sono principalmente caratterizzate dalla precisione e perizia dei dettagli naturalistici e ambientali, dalla finezza ed espressività delle figure (realizzate in gesso e poi dipinte) e dai colori vivaci. L'artista può quindi essere considerato, al tempo stesso, pittore, architetto e scenografo della sua opera d'arte.

L'opera presenta 20 scene e circa 180 figure in terracotta ideate da Giancarlo Beltrami ed appositamente realizzate per le scene dal grande maestro catalano Martin Castells scomparso nel 1995.


Info: Architetto Giancarlo Beltrami
Telefono: 0522/433229 - 439350; 338/6239892
Email: giancarlobeltrami.ilpresepe.re@gmail.com