comuni italiani

Festa della Befana a Viterbo

Epifania in Italia >> Epifania nel Lazio


Festa della Befana a Viterbo, Epifania 2018


Le manifestazioni per festeggiare l'arrivo della Befana a Viterbo

Di seguito tutte le feste relative alla festa della Befana a Viterbo, piazza o in chiesa per celebrare la festa dell'Epifania dedicata all'arrivo dei Re Magi al cospetto di Gesù.

La festa dell'Epifania viene celebrata il 6 gennaio, e rappresenta il termine delle festività natalizie a Viterbo.













• A Viterbo la Calza della Befana più lunga del mondo

A Viterbo sono all’opera da giorni: si vuole realizzare la calza dell Befana più lunga del mondo ed entrare così nel Guinness dei Primati. Sembra un evento blando, ma in realtà Viterbo festeggia ogni anno l’evento, che la vede impegnata a realizzare una calza sempre più lunga ogni anno che passa.

I cittadini sono già tutti presi dalla festa che si terrà nel centro della città: molti stanno già cucendo il sacco con le toppe che costituisce la lunga struttura, altri stanno gonfiando e testando i palloni che riempiranno la calza.

C’è chi studia il percorso e chi sta preparando gli abiti per le 100 Befane che sorreggeranno la mega calza. In soccorso delle quali ci saranno 10 auto FIAT 500 vintage.

L’iniziativa è patrocinata dal Comune, dalla Provincia e dalla Regione Lazio. La città è in fibrillazione, si aspettano solo i rappresentanti del Guinnes dei Primati per poi iniziare con la sfilata. La calza partirà da Piazza San Sisto alle 14,30 del prossimo 5 gennaio, con tanto di banda musicale, majorettes e sbandieratori.



Data: 06 gennaio 2018

Fonte: https://www.onewoman.it







• La Pasquarella di Gallese

La Befana percorre le vie del paese distribuendo regali ai bambini, sulle note di un'antica melodia, "La Pasquarella", eseguita dalla banda musicale di Gallese. I ricavi delle offerte derivate dalla Pasquarella vengono poi devoluti dall'Associazione Musicale di Gallese in provincia di Viterbo in beneficenza.


Data: 06 gennaio 2018







• Le Tentavecchie di Gradoli

Se qualche "forestiero" nelle tre sere che precedono l'Epifania si trovasse a passare per Gradoli in provincia di Viterbo e si imbattesse in un folto ed itinerante gruppo di persone, che, senza alcun apparente motivo, sfida il freddo pungente facendo attraverso i più svariati ed originali strumenti, un baccano assordante, potrebbe pensare che i gradolesi si siano improvvisamente impazziti o che abbiano alzato troppo il gomito con lo squisito Aleatico.

Non sarebbe facile spiegargli che si tratta semplicemente di una nostra tradizionale e bizzarra manifestazione denominata le Tentavecchie (in gergo popolare le Tantavecchie) che va in scena ogni anno in quelle tre Sere.

In ognuna di quelle sere. intorno alle ore 21.00, persone di ogni età si ritrovano nella piazza centrale del paese armate con strumenti mirati a produrre più rumore possibile. Si va dai semplici coperchi delle pentole usati come piatti da orchestra, ai fischietti, al corno di bue, al bidone di latta, ai campanacci delle più svariate misure...

Una volta raggiunto un certo numero di elementi l'orchestra" si incammina lentamente per le vie di Gradoli dando vita ad una "sinfonia" tanto stonata quanto assordante che pian piano riempie le strade e i vicoli paesani.

Il perché sia nata questa rumorosa processione non è ben chiaro, tuttavia esistono diverse versioni sull'origine delle Tantavecchie. Alcune trovano fondamento nelle radici cristiane del nostro popolo e associano la rumoreggiante orchestra al tentativo di nascondere ad Erode il pianto del neonato Gesù;, oppure al corteo rumoroso che accompagnava i Re Magi verso la capanna di Betlemme.

Altre versioni basano invece l'origine nelle tradizioni agricole, ecco così che si fa riferimento al festeggiare dopo il solstizio d'inverno, per il ritorno della luce e per la sconfitta delle tenebre, o il cercare con il rumore di esorcizzare le difficoltà della futura stagione agricola e di allontanare i malefici. Alcuni invece, affermano che le Tantavecchie possono essere state ispirate da analoghe manifestazioni folcloristiche tipiche del sud Italia, o più semplicemente che sia un metodo per svegliare la vecchia Befana e ricordarle di consegnare i doni ai bambini.Qualunque ipotesi sopra descritta accende la fantasia del Lettore e potrebbe essere un valido motivo per invogliarlo a partecipare.


Data: dal 02 gennaio 2018 al 06 gennaio 2018

Fonte: https://www.comune.gradoli.vt.it







• Befana a Pescia Romana. Tra giochi e delizie si arriva al carnevale

Una Befana dai sapori d’estate. A Pescia Romana la bella stagione non passa mai. Mettete in una ciotola la polpa del melone a pezzetti con lo zucchero, rimestate il tutto e lasciare riposare per una notte. Poi mescolate il composto con lo zucchero, il succo del limone e il peperoncino. La marmellata “pesciarola” è servita nel palatenda che fino al 14 gennaio caratterizza il periodo di Natale di Pescia Romana.

Tra Lazio e Toscana, sul mare ma anche vicina al lago, quello di Bolsena, il piccolo borgo di Pescia Romana, frazione di Montalto di Castro è un’oasi dove trascorrere il capodanno e l’Epifania, soprattutto se le serate sono allietate da tradizione, folklore e tanta buona gastronomia. Se per tutta l’Italia è vero il detto che l’Epifania tutte le feste porta via, a Pescia Romana è una bufala! Tornei di burraco, musiche per giovani e meno giovani e poi la Befana che arriverà con calze cariche di dolci in cui non mancherà di certo il vasetto della marmellata natalizia di Pescia.

Per i nostalgici del mare una passeggiata invernale sulla spiaggia può sempre essere un romantico diversivo. Chi invece vuol smaltire i chili di troppo può cimentarsi in una passeggiata per visitare il Borgo Nuovo ed il Borgo Vecchio che compongono la frazione di Pescia, oltre alla miriade di case coloniche sparse nella campagna circostante. Dei due borghi, quello più antico, si sviluppò, presumibilmente dopo l’anno 1700, intorno ad una piccola chiesa edificata dai gesuiti ed intitolata al loro fondatore, Sant'Ignazio di Loyola.

Dalla Befana al Carnevale il passaggio è veloce! Tutti in maschera nel Palatenda di Pescia Romana il 14 gennaio!


Data: dal 02 gennaio 2018 al 14 gennaio 2018