comuni italiani

Festa della Befana a Matera

Epifania in Italia >>


Festa della Befana a Matera, Epifania 2018


Le manifestazioni per festeggiare l'arrivo della Befana a Matera

Di seguito tutte le feste relative alla festa della Befana a Matera, piazza o in chiesa per celebrare la festa dell'Epifania dedicata all'arrivo dei Re Magi al cospetto di Gesù.

La festa dell'Epifania viene celebrata il 6 gennaio, e rappresenta il termine delle festività natalizie a Matera.
















• La notte dei Cubicocca a Montescaglioso

Il 5 Gennaio a Motescaglioso (Matera) tornanno i Cucibocca. A conclusione delle festività natalizie, il tradizionale appuntamento con la Notte dei Cucibocca tanto atteso dai bambini. L'antica e misteriosa tradizione presente solo a Montescaglioso è riproposta dal Centro di Educazione Ambientale. Restano ancora in gran parte misteriose le motivazioni ed i simbolismi contenuti nelle figure del Cucibocca che è un personaggio presente anche nel Carnevale di Montescaglioso ma che vive di vita propria nella notte del 5 Gennaio.

Il Cucibocca è una tradizione unica in tutto il Meridione: misteriose figure vestite di scuro, mantello o vecchi cappotti, in testa un cappellaccio o un disco di canapa da frantoio, il viso incorniciato da folte barbe bianche. Al piede una catena spezzata che striscia sul selciato con un sordo rumore. Bussano alle porte e chiedono offerte in natura. In mano un canestro con una lucerna ed un lungo ago con cui minacciano di cucire la bocca ai bambini. Scompaiono nel buio con l'avanzare della notte. I bambini, attratti ma spaventati si rifugiano tra le braccia dei genitori e rientrano in casa per andare presto a letto permettendo alla Befana di riempire le calze con giocattoli, dolciumi e regali.

Così come vuole la tradizione, in casa e in piazza, si consumano i nove bocconi del Cucibocca. Nella misteriosa notte che precede l'Epifania si concentrano riti e credenze delle grandi comunità contadine che per secoli hanno maturato nel profondo della propria identità tradizioni mutuate dai tempi più remoti. Il cucire la bocca segna la fine delle libagioni natalizie. L'avvicinarsi della Quaresima induce al digiuno ed alla astinenza dalla carne, per altro ancora praticate nella vigilia dell'Epifania nelle comunità iitaloalbanesi della Basilicata e della Calabria.

Secondo una credenza ancora presente in molti paesi del Meridione, nella notte del 5 Gennaio, le anime dei defunti, tornano tra i vivi dal Purgatorio e si dirigono verso le case ove hanno vissuto. Il corteo sfila nella notte più profonda, invisibile ai viventi che, nel totale silenzio, si barricano in casa e lasciano un'offerta, libagioni e acqua per dissetare le anime arse dalle fiamme. Il misterioso corteo dei Cucibocca, con un fiammella in un canestro, la catena al piede che segnala la loro presenza e la richiesta del silenzio e dell'offerta, appare una rivisitazione della processione delle anime del Purgatorio. Un'altra suggestiva tradizione evoca memorie ancora più ancestrali. Nella notte che precede l'Epifania, gli animali riacquistano il dono della parola, possono predire l'immediato futuro, ma hanno anche il potere di maledire gli uomini che maltrattano le bestie ed osino origliare il loro sommesso parlare. Alla civetta, simbolo della sapienza e della parola, il compito di impedire l'intromissione degli uomini nel mondo degli animali.

Il Cucibocca, nella richiesta incessante e minacciosa del silenzio, cerca di porgere l'orecchio degli uomini al parlare sordo degli animali. O forse al contrario, sono i Cucibocca, nella rielaborazione popolare della credenza, a simboleggiare gli animali che spezzate le catene della schiavitù e imposto il silenzio verso gli umani, si sottraggono, almeno una volta nell'anno, alla prepotenza del padrone come l'orso selvaggio, con al piede una catena spezzata, che in tante rappresentazioni del Carnevale, sfugge al controllo del suo torturatore.

Un ulteriore riferimento è nell'abbazia di San Michele a Montescaglioso ove la misteriosa figura di Arpocrate, divinità egizia dedicata al silenzio affrescata nella biblioteca dei monaci, è raffigurata come un vecchio, con un cappuccio, l'indice rivolto verso le labbra a chiedere silenzio ed una grande barba giallastra che ricorda la canapa con cui i Cucibocca nascondono il viso. Un'altra interpretazione è riferita ai retaggi dell'arcaica società agropastorale: nascosti sotto le sembianze dei Cucibocca, pastori, salariati e massari spesso in tale occasione regolavano più o meno violentemente liti e diatribe. Il Cucibocca appare oggi anche come la risposta locale al Babbo Natale globalizzato.

Diversamente da Santa Klaus il Cucibocca non porta doni, anzi li richiede; non ha una barba profumata, pettinata ed ovattata, ma una barbaccia di canapa puzzolente; non ha abiti scintillanti ma un pastrano nero e al posto dell'elegante cappuccio rosso, un orredo disco di canapa da frantoio, infine lo scampanellio della slitta lascia il posto allo stridere sordo delle catene spezzate legate ai piedi. Anche quest'anno i Cucibocca sbucano lentamente dall'abbazia di San Michele. Il grande monastero a partire dalle 19,00 sarà illuminato solo da poche lampade ad olio consentendo ai Ccibocca di completare il rito della vestizione dal quale sono categoricamente esclusi i bambini.

Nessuo, tra i più piccoli, deve poter conoscere chi si nasconde dietro la maschera del Cucibocca le cui sembianze potrebbero anche celare qualche papà dei tanti bambini che aspettano incerti, tra paura e iivertimeto ilcomparire delle misteriose igure. Intorno alle 20,30 nella penombra dei chiostri apparirannoi Cucibocca attesi da tantissimi bambiniche accompagnati dai genitori, proveranno a cimentarsi con la paura ed a seguire le misteriose e nere figure negli oscuri vicoli del centro storico.

Data: 05 gennaio 2018

Fonte: https://www.cea.montescaglioso.net








• La Befana arriva a Matera

L’iniziativa è denominata «I Re Magi raccolgono generi alimentari. Un gesto d’amore per i più bisognosi continuando l’opera di don Giovanni Mele».

Il programma a Matera del 6 gennaio prevede a partire dalle 11.30 la sfilata dei Re Magi lungo il percorso via Nazionale, via Annunziatella, via XX Settembre, piazza Vittorio Veneto dove alle 12.30, presso la scena della Sacra Natività, ci sarà l’intervento delle autorità con la consegna dei generi alimentari raccolti.


Data: 06 gennaio 2018





NOTA BENE: Gli eventi pubblicati in questa pagina potrebbero aver subito delle variazioni, essere stati annullati o citati per errore: siete pregati di verificare attraverso i siti ufficiali o quelli istituzionali dei comuni l'effettivo svolgimento delle manifestazioni.