comuni italiani

La sagra del pesce di Camogli


Liguria >> Provincia di Genova

La sagra del pesce di Camogli

La Sagra del Pesce ha le sue origini nel 1952, quando, in occasione della festa del santo patrono dei pescatori, San Fortunato, l'avvocato Filippo Degregori, con alcuni collaboratori, ha deciso di attirare l'attenzione dei turisti di passaggio, friggendo il pesce su un fornello costruito temporaneamente sulla piazza del paese, al fine di offrire agli ospiti gratuitamente del buon pesce.

L'iniziativa ha avuto un grande successo inaspettato e i pescatori decisero di ripeterla. Qualche anno più tardi uno dei più famosi pescatori camoglini, Lorenzo Viacava detto "o Napoli" e Lorenzo Gelosi detto "Cen", lanciarono l'idea di costruire una grande padella per una spettacolare frittura.

La sagra del pesce di Camogli


Tutto questo è servito solo ad aumentare la reputazione della Sagra del Pesce, che è ormai un evento nazionale e internazionale, che riunisce per tre giorni buongustai e visitatori che costituiscono una presenza fissa di ogni edizione della sagra.

La seconda domenica di maggio, nel suggestivo scenario naturale di Piazza Colombo, al porticciolo, si svolge la Sagra del Pesce. L'evento, organizzato dalla Associazione Turistica Pro Loco con il patrocinio del Comune, è ormai nota in tutta Italia e all'estero, e attira un notevole numero di persone.



Nata come gesto spontaneo di alcuni camogliesi, questa simpatica tradizione è diventata un importante veicolo di comunicazione e di sviluppo dell'immagine di una destinazione turistica ma soprattutto di una città da visitare . Il simbolo della festa è la padella in cui il pesce viene fritto e successivamente distribuito, grazie agli sforzi di tanti volontari che offrono il loro contributo al successo della manifestazione.

L'evento legato alla secolare festa di San Fortunato, patrono dei pescatori infatti la sera prima, dopo la cerimonia religiosa ha luogo la processione dell'Arca di San Fortunato con la partecipazione della Banda "Città di Camogli", e successivamente viene acceso sulla spiaggia un grande falò di sculture di legno costruite dai camogliesi dei quartieri Porto e Pinetto che ogni anno, con fantasia, inventano nuove forme.





Data: Seconda domenica di maggio

Sito ufficiale: http://www.prolococamogli.it