comuni italiani

Argojazz 2009


Puglia >> Provincia di Bari



Argojazz 2009

Argo Jazz 2009

ArgoJazz nel segno dei flussi musicali dell'uomo e della natura, un mese fitto di appuntamenti: musica, danza, ma anche pittura, fotografia, poesia, letteratura e teatro nella sesta edizione di ARGOJAZZ 2009.

Ogni edizione del festival ruota intorno ad un tema differente.

Quest'anno il leitmotiv è centrato sull'idea dei flussi musicali, intesi non solo come trasmissione di onde sonore, ma come un passaggio più importante, fluido e circolare che sicuramente coinvolge un cuore comune e unico tra artista, uomo, musica, movimento, arte e natura.




nel corso degli anni Argojazz ha forzato i confini per spingersi nei territori delle sonorità jazz, etniche, bossa, funky. Ha sperimentato relazioni tra musica e poesia, musica e danza, musica e fotografia, musica e pittura.

Questa edizione promette un nuovo viaggio espressivo e il titolo "tra flussi musicali" e arte suggerisce i temi della VI edizione.

Il cast é come sempre prestigioso e variegato, seguendo la formula ben collaudata che prevede musica con finale culinario, con locations suggestive che vanno dalla spiaggia con i concerti all'alba al bosco di Macchia e alle bellissime locations gentilmente concesse dal Resort degli Argonauti.

Una trilogia perfetta di natura, mare e cultura: questa è la costa ionica lucana, da Nova Siri a Metaponto, passando per Policoro, Scanzano Jonico e Mariina di Pisticci. Un tratto di costa, lungo 35 km, con spiagge comode, ampi arenili, due estese pinete su un mare ancora cristallino. Difficile non pensare qui ai primi coloni greci che spuntarono all'orizzonte agli albori dell'VIII secolo a.C. , veleggiando lungo le rotte tracciate secoli prima dai mercanti micenei che avevano raccontato di questa terra ferace e fertilissiima. Portavano con se cultura, arte, pensiero. Ed è nel mare della Basilicata ionica che vi invitiamo a scoprire dove velleggia il mito di Nestore, "il tempio di Hera", la voce della sirena Simona Bencini che bordeggia con Mario Rosini in un mare di musica che proviene dalla loro cultura jazz, insieme al pop.

in un angolo più a nord, tra quelle enormi colonne che reggevano la mensa degli eroi di Carlo Magno, dalle Tavole Palatine arriva la tromba limpida e spumeggiante di Fabrizio Bosso incantato dalla voce soave di Walter Ricci, ma anche gli Argonauti solcano lo Jonio: con una banda di musicisti vengono dall'antica città di Achea Laura Fedele con i suoi prodi condottieri e il porto degli Argonauti al tramonto ospita la spedizione annibalica guidata da Serena Autieri con il suo menestrello Marco Di Gennaro. E che dire di Pitagora che dall'alto del santuario Apollo Licio osserva le danze del Gruppo del Pollino e poi le albe sul mare del lido di Macchia piene di colori e profumi con i suoni della poesia della voce di Patrizia Laquidara. Sul ponte di una nave lo scrittore Cicerone osserva e prende appunti, la sera legge i suoi racconti alla ciurma per indicare la direzione, infondere coraggio, accompagnare i sogni, rotte immaginarie, inquieti condottieri come Spartaco.